L’ENFANT D’EN HAUT

L’ENFANT D’EN HAUT

Piccoli Dardenne crescono. Peccato: “Home”, il primo film della regista svizzera, piazzava Isabelle Huppert in mezzo a un’autostrada in costruzione senza aggiungere messaggi. Qui un ragazzino ruba sci, caschi e occhiali firmati ai turisti. Per rivenderli, e con il ricavato sfamare sé e la sorella. Orfanello dickensiano, se ci fosse una trama oltre al personaggio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi