REMEMBER ME

L’organizzatissima zia Augusta – nel romanzo di Graham Greene “In viaggio con la zia” – possiede una valigetta soprannominata “baise en ville”. Contiene il necessario per una notte da trascorrere a casa dell’amante occasionale. Una ragazza non deve mai farsi cogliere impreparata. Ritroviamo l’idea in questo film di Allen Coulter, texano che cominciò come fattorino in una casa di produzione a New York, poi girò un cortometraggio, poi venne arruolato come regista di serie tv (“I Soprano”, “Six Feet Under”, “Sex & the City”, “Rome”, “Damages” e la recentissima “Nurse Jackie” con Edie Falco). Nel 2006 debuttò sul grande schermo con “Hollywoodland”. Presentato alla Mostra di Venezia, raccontava il suicidio di George Reeves, l’attore che indossava la tuta e il mantello di “Superman” nella serie tv anni cinquanta (e quasi omonimo dello sfortunato Christopher Reeve, che fu Superman al cinema: è bastato per far nascere la leggenda di una maledizione legata al personaggio). La valigetta “baise en ville” diventa qui, un po’ più volgarmente, il cofanetto “troia”: pettine, forcine, gommino e trucco in confezioni minuscole. Pensa di farci i soldi mettendola in commercio l’amico del protagonista, Aidan, classica spalla comica per far respirare tra i momenti drammatici (l’attore è Tate Ellington). Gli occhi però sono tutti per Robert Pattinson, che smessi i panni del vampiro vegetariano Edward si fa subito pestare in una rissa di strada, come a dire “sono bello, ma non importa”. Anche dannato, giacché fuma di continuo, lavora in una libreria, vive in una topaia senza serratura alla porta anche se suo padre è un riccone, ha un fratello che si è suicidato nove anni prima e una sorellina secchiona con molto talento per il disegno e nessuno per fare amicizia con le compagne di scuola. L’amico sciupafemmine lo convince a sedurre, per scommessa e per vendetta, una biondina che nella prima scena assiste all’omicidio della madre, sul binario della metropolitana, e quindi viene guardata a vista dal padre poliziotto (il sempre bravissimo Chris Cooper, dirimpettaio di Kevin Spacey in “American Beauty” e talpa al servizio dei sovietici in “Breach-L’infiltrato”). L’inizio è molto promettente, il finale parecchio deludente, anche se nelle intenzioni del regista dovrebbe essere la chiave del film.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi