INKHEART – LA LEGGENDA DI CUORE D’INCHIOSTRO

Le barriere tra realtà e finzione sono più sottili di quanto immaginiamo, un po’ come un lago ghiacciato. Centinaia di persone possono attraversarlo. Ma una sera, in un certo punto, questo disgela, e qualcuno ci cade dentro. L’indomani mattina, la crosta di ghiaccio si è già riformata”. Rivendica la permeabilità tra vita e fiction, nel suo romanzo “Il caso Jane Eyre”, lo scrittore inglese Jasper Fforde. Sull’idea ha costruito una serie di storie (tutte tradotte da Marcos y Marcos), ambientate in un mondo parallelo dove la guerra di Crimea non è mai finita, si viaggia in dirigibile, i dodo non sono estinti, ed esistono, agli angoli delle strade, juke box che in cambio di una monetina spacciano sonetti di Shakespeare. I criminali preferiscono i manoscritti rari ai lingotti di Fort Knox, e i più audaci rapiscono personaggi dai romanzi a scopo di riscatto. Ne era convinto anche Woody Allen, in un racconto dove Madame Bovary abbandona il marito per far la provinciale a New York, e contemporaneamente un omino pelato si annoia a Rouen. Per un personaggio che esce dalle pagine e si concede una passeggiata, un umano finisce intrappolato nella trama anche nella trilogia per ragazzini di Cornelia Funke, scrittrice tedesca che ora vive a Los Angeles. I suoi “Inkheart”, “Inkspell” e “Inkdeath” sono tradotti in venti lingue, presenze quasi fisse nella classifica del New York Times, e godono dell’entusiasmo che la fantasy e l’avventura scatenano in un congruo numero di lettori (lasciando freddi tutti gli altri, che proprio non ne capiscono il fascino neanche quando glielo spiegano). Abbastanza per metter voglia a un regista di progettare un film, visti i recenti blockbuster con presenze magiche (gli insuccessi, come “La bussola d’oro”, si dimenticano subito). Mortimer Folchart detto Mo e la figlia dodicenne Meggie hanno il dono, molto confinante con la sciagura, di dare vita – leggendo ad alta voce – ai personaggi dei libri. Incautamente, hanno fatto scomparire la madre della ragazzina, intrappolata in una favola con castelli e fantasiose creature. Addolorati per la perdita, non hanno smesso di frequentare le librerie. Dove vengono minacciati da un giovanotto incappucciato che vorrebbe tanto smettere di vagare tra gli umani, e tornare al suo libro natio. Proseguono lo sciopero della voce, finché il cattivo Capricorn passa alle maniere brusche.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi