BABY LOVE

Sono stufo dei nostri piccoli piaceri e delle nostre seratine, voglio un progetto per il futuro”, spiega Emmanuel al (piuttosto basito) compagno di vita Philippe. In preda a un attacco di sano buon senso, ogni tanto ne capitano, Philippe risponde: “Siamo gay, i gay non fanno bambini, è una cosa contronatura”. Per querele, rimbrotti, dichiarazioni scandalizzate dell’Arcigay rivolgersi al regista e sceneggiatore Vincent Garenq (classe 1966, ex documentarista) e in subordine a chi ha curato l’adattamento, magari in francese la frase era più leggera. Sarebbe però un passo falso: la battuta è l’unico sprazzo di scorrettezza e di non stucchevolezza in un film che celebra un sacco di cose. Primo: il desiderio di essere “Come gli altri” (il titolo originale) con un pupo da accudire. Secondo: la bellezza delle famiglie complicate, dove attorno a una culla si inteneriscono la madre surrogata, il donatore di sperma, il compagno del donatore, che ha avviato la pratica di concepimento e si scopre sterile. Terzo: l’astuzia nell’aggirare le regole, si sa che lo stato ci vorrebbe tutti infelici, con le sue regole sull’adozione e l’inseminazione artificiale. Quarto: le nonne che davanti a un nipotino perdonano tutto, tranne il matrimonio con una ragazza (“ci abbiamo messo dieci anni ad accettare la tua omosessualità e ora vieni a dirci che sposi una ragazza?”). Lo fa senza perdersi nessuna delle classiche scene da film dove un uomo bacia un altro uomo. A cominciare dal riordino della casa, in stile “Vizietto”: viene l’assistente sociale per l’adozione da single (primo tentativo di Emmanuel per coronare i suoi sogni dopo che Philippe è scappato, tra lo stupore generale “siete l’unica coppia affiatata, perché vi separate?”), e bisogna farle credere che nel passato c’è solo una ex. Niente Dalida, niente Barbara (non abbiamo capito se da qualche parte c’erano anche cd di Barbara Streisand e dvd con Judy Garland), via i quadri e le foto di maschi muscolosi, nel dubbio via anche un volume illustrato sui miti greci. Naturalmente Emmanuel fa l’amoroso pediatra, di quelli che visitano il pupo anche a domicilio nel cuore della notte. E naturalmente finirà a letto con una donna innamorata di lui. L’attore è Lambert Wilson: nelle scene più divertenti fa il casting alle coppie lesbiche per concludere un accordo sul piccino da mettere in cantiere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi