BITTER AND TWISTED

“Piaccio di più se sto zitto”, dice rassegnato un giovanotto a un altro giovanotto che lo vorrebbe abbracciare. Sono passati tre anni da un grave e improvviso lutto, la famiglia Lombard non si è ancora ripresa. Il padre ingrassa e vende macchine con poco entusiasmo, la madre si fa rimorchiare da un ragazzino in un bar, la fidanzata del morto ha una storia con un uomo sposato. La vita come viene, organizzata in siparietti, con qualche lentezza e un cast di attori australiani da morire d’invidia. Opera prima di un regista (anche sceneggiatore) nato nel 1980.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi