WITH A WARM HEART

Se qualcuno si batte il petto e ha superato la quarantina, non è pentimento ma un tentativo per far ripartire il pacemaker. Poi il miliardario dal cuore malandato – re dei “supermercati dal volto umano” – fa testamento. Alla madre un assegno scoperto, i denari a chi li userà per peggiorare il mondo. Una donazione ai terroristi di al Qaida? Macché: Derrida e i decostruzionisti combinano più disastri, l’eredità sarà loro. Ora bisogna trovare un donatore per il trapianto, con le buone o con le cattive. A quasi settant’anni, il regista polacco gira il suo film più spassoso. Con una parte per Doda, la Britney Spears dell’est Europa. Ed è subito Frank Capra.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi