$ 9.99

Sul sito dello scrittore israeliano Etgar Keret (“Pizzeria Kamikaze”, come regista ha girato “Meduse”con la moglie Shira Geffen) vediamo un omino che si è appena sparato alla tempia. Lo si capisce dallo schizzo di sangue. Si apre con un minacciato suicidio – se non mi dai l’elemosina mi sparo – anche questo bellissimo film che l’australiana Tatia Rosenthal ha girato con i pupazzetti in plastilina (tipo Wallace e Gromit con il coniglio mannaro). “Il senso della vita” dei Monty Python, in un condominio di Sidney, durante una lunga estate calda.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi