SANGUEPAZZO

Abbiamo seguito con il fiato sospeso il dibattito critico su Angelina Jolie, mamma straziata dalla scomparsa del figlioletto in “The Exchange”, diretto da Clint Eastwood e in concorso al festival di Cannes. Chi fa notare che è troppo ben vestita anche nella sofferenza, chi sfotte amabilmente (“se recitazione vuol dire immobilità il premio per la migliore attrice è suo”, chi la guarda con il disprezzo dovuto a una celebrity che recita nei film solo perché assomma soldi al botteghino, chi ne ammira il trucco pallido e le labbra rossissime, non riuscendo a scovare altre doti). Mentre leggevamo, abbiamo per un attimo sognato che tanta irremovibile serietà e tanta orgogliosa fierezza professionale, senza sconti per nessuno, fossero per una volta riservati a Monica Bellucci. Così come l’abbiamo vista in “Sanguepazzo”, dove ha la parte di Luisa Ferida accanto a Luca Zingaretti che fa Osvaldo Valenti. Neanche Marco Tullio Giordana, che ci fece amare Luigi Lo Cascio nei “Centopassi”, riesce a fare il miracolo. La diva internazionale recita le sue battute come se avesse esaurito tutte le sue energie nel mandarle a memoria. Cosa ancora peggiore: la sua recitazione naturalistica e la sua recitazione da cinema muto sono pericolosamente simili. Con gli occhi del regista, Giordana vede in lei (fa testo la lunga intervista di Lorenzo Codelli distribuita ai giornalisti): “Un tipo di donna controcorrente rispetto al modello della donna oggetto. Ho sempre creduto nelle sue qualità di attrice”. Saltabeccando, un po’ faticosamente, dal 1945 al 1936, “Sanguepazzo” – titolo di un film che Valenti avrebbe voluto dirigere – parte con la coppia inseguita dai partigiani (che li vogliono fucilare) e protetta da un regista aristocratico che invoca per loro un giusto processo. Conosce Luisa da quando era una ragazzotta che andava a letto con chiunque glielo chiedesse (lui non ne gode perché gay, il personaggio è in parte ispirato a Luchino Visconti). Perfetto per una doppia serata televisiva, con qualche taglio. Forse resterà il chiacchieratissimo bacio lesbico. Certamente salterà la lezione sulla cocaina. Roba che si sniffa, o “Si mette sulle mucose. Tutte le mucose”. Così spiega l’ex commissario Montalbano prima di infilare la testa sotto la gonna della Bellucci.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi