CHE (Cannes, concorso)

Nell’intervallo hanno distribuito il cestino della merenda. Tramezzino, bottiglia d’acqua dello sponsor, barretta energetica di nota multinazionale: il minimo indispensabile per riprendersi da “Che Guevara a Cuba” e attaccare “Che Guevara in Bolivia”. Quattro ore e mezza in totale. La rivoluzione minuto per minuto, solare ai Caraibi e verdastra in America Latina, ma sempre senza tagli. I paesani si presentano, vengono selezionati, gridano “patria o muerte”, negli intervalli tra una sparatoria e l’altra si siedono sui banchi di scuola. Più che un esercito messo insieme da Fidel Castro per combattere Batista, sembra la scuola delle Orsoline. Si fanno deragliare i treni carichi di armi, si danno ultimatum (“altrimenti vi riterrò responsabili dei morti a cui spariamo”, spiega il Che tra il plauso generale), ma guai se quattro ragazzotti rubano una macchina, saranno costretti a restituirla. Benicio del Toro ha investito soldi suoi, quindi compare in tutte le scene: con il basco, senza basco, durante il discorso del 1964 all’Onu, con il piumino da cipria prima di un’intervista tv. Sì, gli somiglia. No, non basta per star svegli.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi