SURVEILLANCE (Cannes, fuori concorso)

“Hai già risparmiato la vita a qualcuno?” chiede la bionda che sta per essere torturata dal serial killer. “Tu devi essere una che comincia i libri dall’ultima pagina” ghigna il cattivone. A dispetto del Dna familiare che dovrebbe condurla verso i film senza capo né coda (vedi “Inland Empire”) o la tv di culto (vedi “Twin Peaks”), e anche a dispetto del suo primo film (“Boxing Helena”), la figlia di David Lynch sa come si rende interessante un dialogo. Sa fare bene anche tutto il resto, e lo dimostra in questo thriller sbrigativamente accostato a “Rashomon”. Mentre un serial killer insanguina strade e motel della provincia americana, i tutori dell’ordine passano il tempo sparando alle gomme degli automobilisti. Poi chiedono i documenti, giocando al poliziotto buono e al poliziotto cattivo. Per rimetterli in riga, arrivano due agenti dell’Fbi. Armati di telecamere, cercheranno di scucire la verità ai testimoni oculari.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi