Il sarto che dà la linea

L’esempio di Savile Row per diventare un’istituzione. Caraceni a Roma, l’ambizione dell’abito perfetto

Il sarto che dà la linea

Andrea Caraceni, il più giovane della famiglia, lavora da due anni nella sartoria. Accanto a lui Giancarlo Tonini, tagliatore storico di Caraceni (foto di Giuseppe Fantasia)

Per riuscire in ogni mestiere o arte è indispensabile conoscere gli elementi di teoria su cui essi si fondano. Per un sarto, è necessario avere familiarità con numeri e misure, con stoffe e abbinamenti di colori, avendo ben chiaro a cosa ci si riferisce quando si sta parlando di un’asola “lunga e senza goccia” o di un “bavero a lancia”, per non parlare poi del risvolto dei pantaloni da non confondere con il “revers”. Tutto questo, ovviamente, non basta per...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi