Il dibattito americano sulle inutili orazioni dopo una strage

La preghiera come atto politico

Mattia Ferraresi

Email:

ferraresi@ilfoglio.it

Il dibattito americano sulle inutili orazioni dopo una strage

Una veglia di commemorazione delle vittime dell'attacco in Texas (foto LaPresse)

Dopo la strage nella chiesa battista del Texas, lo speaker della Camera, Paul Ryan, ha scritto che le vittime e le loro famiglie hanno “bisogno delle nostre preghiere”. La deputata democratica Pramila Jayapal non ci ha più visto: “Non hanno bisogno delle nostre preghiere. Hanno bisogno che affrontiamo la crisi della violenza da arma da fuoco e approviamo le leggi del caso”. E’ stata soltanto una delle reazioni indignate alla formula ritualizzata dei thoughts and prayers che domina la scena americana ogni volta che riaffiora il massacro, specialmente quello in cui il movente non è immediatamente riconoscibile. Il caso di Sutherland Springs, che i giornali hanno definito “la peggiore strage in chiesa della storia americana recente”, scelta che denuncia l’esistenza della categoria “stragi in chiesa”, ha sottolineato la presunta distanza fra la dimensione della preghiera e quella dell’azione politica. La prima è un esercizio di pietà buono e inutile, la seconda è quella che comunemente chiamiamo realtà. La contestazione ai richiami alla preghiera è stata talmente zelante che molti sono intervenuti in difesa della preghiera, mostrando un fossato fra il paese secolarizzato e quello religioso che viene meno citato delle disuguaglianze economiche nelle analisi sociologiche. Ryan ha detto: “Dobbiamo forse dire che la gente che non ha fede non capisce la fede, ma la cosa giusta da fare in momenti come questi è pregare. E sai perché? Perché la preghiera funziona”. Sulla National Review David French ha scritto che pregare “è la cosa più razionale da fare di fronte a una strage”, e ha svolto il ragionamento: “Dio è sovrano, e ogni dono buono e giusto viene da Lui. Questo include il cambiamento dei cuori. Include il conforto che solo Lui può dare”. Una posizione esecrabile per la sinistra secolarista che chiede nuove misure sul gun control, esibendo una sconfinata fede in una legge che, anche se attuata, non farebbe sparire di colpo i 300 milioni di armi da fuoco che circolano negli Stati Uniti. Ma qui si tratta di uno scontro fra concezioni, una disputa fra l’uomo-creatura e l’uomo-creatore di sistemi talmente perfetti che non ci sarà nemmeno più bisogno di essere buoni, come scriveva T. S. Eliot. Il commentatore di sinistra Peter Beinart si è staccato dal coro che chiede più azione e meno orazione per ricordare che in tutte le grandi tradizioni religiose, la preghiera è la vera sorgente dell’azione, tanto che il rabbino Abraham Joshua Heschel parlava della preghiera come “priva di significato se non è sovversiva”. Ambiti che ora sembrano radicalmente separati erano uniti in una radice comune per molti leader religiosi impegnati nella società, da Gandhi a Martin Luther King. Padre Jean Daniélou parlava dell’orazione come atto politico, concetto ripreso anche da Giorgio La Pira, che smontava così la falsa dicotomia fra azione e contemplazione: “Il vero politico, cioè colui che sa cogliere il movimento profondo della storia, non può disinteressarsi della preghiera, perché essa mette in moto e purifica le energie profonde che influiscono nella storia”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • adebenedetti

    09 Novembre 2017 - 23:11

    Sia per il fuso orario sia per impegni sono sempre in ritardo. Alcune considerazioni sul voto di ieri. Trump,nel 2016,ha vinto nell`84.3% delle contete (2623 contee) Hillary ha vinto nel 15.7% delle contee (487 contee) Trum ha vinto in 30 stati Hillary ha vinto in 20 stati. Tra i 30 stati vinti da Trump non c`era la Virginia,non c`era il New Jersy e non c`era la citta` di New York. Rash Limbaugh che raggiunge molti ma molti milioni di persone con la sua trasmissione radio citando il politico Morning Consult Pol rivela che se ieri ipoteticamente si fossero ripetute le elezioni fatte un anno fa Trump avrebbe avuto solo l`82% dei voti di coloro che un`anno fa lo sostenevano. Di contro Hillariy avrebbe avuto il 78% dei voti di coloro che un`anno fa la sostenevano. Ergo Trump avrebbe rivinto in maniera ancora piu` convincente. Tutto cio` contrasta con quello che lei scrive unitamente ai soloni che un`anno fa sbagliarono tutte le previsioni.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    09 Novembre 2017 - 13:01

    L'mbecillità degli intellettuali e dei i metri a penzà ( opinion makers ) spaventa. Prima della invenzione della polvere da sparo e delle armi da fuoco la macelleria era attuata con armi da taglio e forse era più operosa ma certo non inferiore nei risultati mortiferi a quella con armi da fuoco.Sì Un conto ammazzare mille diecimila persone con la mitragliadora ed altro e faticoso tagliare loro la gola. Che pena .Nella descrizione di battaglie dell'antichità il finalino racconta e li ammazzarono tutti e 25 mila con la spada, una faticata che levate. .Ahò ,uno dei grandi errori del progresso è l'invenzione del trattore agricolo, molto meglio la zappa, e il risultato positivo della piena occupazione. Gli americani possiedono 300 milioni di armi da fuoco ,togliere loro questa arma di distruzione di massa e le armi da taglio diventerebbero miliardi. luigi de santis

    Report

    Rispondi

  • branzanti

    09 Novembre 2017 - 10:10

    Parlo da ateo convinto e penso che la preghiera, per chi crede, possa essere un lenimento dei propri affanni, che io ovviamente trovo nella riflessione. Nella questione specifica delle stragi il richiamo ripetuto alla preghiera mi sembra soprattutto un modo per non affrontare il problema. Aggiungo che mi spaventa questo scivolamento "teocratico" degli Usa, perché la fusione fra religione e politica non ha mai generato situazioni positive.

    Report

    Rispondi

Servizi