Come fare bella figura in salotto senza necessariamente sapere quel che si dice

Il marketing telefonico

È il vero flagello di questo momento storico. Non c’è modo di difendersi, né di sottrarsi. Non resta che lagnarsi: non cambia le cose, ma fa sentire meglio. Ecco alcuni argomenti di pronto impiego

Il marketing telefonico

- Una volta quando suonava il telefono all'ora di cena di solito era morto qualche lontano parente, ora è un rompicoglioni che cerca di vendervi qualcosa. Non sapere decidere quale delle due eventualità sia la peggiore. (Vedi seguente)

 

- Ormai da anni le uniche persone che vi chiamano sul telefono fisso sono gli operatori dei callcenter e una nonna sorda. Dolersene. Sperare sempre nell'operatore del callcenter.

 

- Quando commettete la leggerezza di rispondere al cellulare a una chiamata proveniente da un numero sconosciuto e vi chiedono se siete voi, simulare di essere amici del titolare della linea per liquidare rapidamente lo scocciatore.

 

- Avere pagato 60 Euro al mese di telefono e internet per quindici anni, poi avere cercato di cambiare provider e due giorni dopo il vostro vecchio operatore vi ha abbassato la tariffa a 25 Euro IVA compresa, a vita. Avere accettato di rimanere cliente ma solo dopo avere cazziato durissimamente la malcapitata telefonista. Stigmatizzare l'avidità delle telco che ci tengono in pugno. Scagliare anatemi contro. (Vedi seguente)

 

- Deplorare che non appena si dà la disdetta al proprio operatore telefonico, nelle settimane seguenti si viene chiamati da tutta la concorrenza con offerte sempre più basse. Dedurne che si dovrebbe cambiare operatore ogni mese. Se il contesto è culturalmente qualificato, dire che il mito fondante della telefonia contemporanea è l'ebreo errante.

 

- Essersi iscritti da anni al Registro delle Opposizioni per non ricevere più telefonate pubblicitarie. Tuonare contro le aziende che se ne fottono e vi chiamano lo stesso. Astenersi dallo scrivere lettere di sdegnata protesta ai giornali per evitare di assomigliare a quei vecchi che agitano il bastone ogni volta che vedono un automobile in movimento.

 

- Chiedersi chi abbia mai accettato di acquistare una macchina per liberarsi dagli acari dei materassi al modico prezzo di 1200 Euro.

 

- Ancorché di tanto in tanto possa essere estremamente liberatorio, evitare di ingaggiare contenziosi dialettici con gli operatori dei callcenter.

 

-Ma quindi lei mi sta dicendo che vuole rinunciare alla qualità del servizio per una tariffa di poco più bassa?
-Sì. Esattamente.

 

- Essere consapevoli che anche gli impiegati dei callcenter devono mangiare, nondimeno concepire pensieri di morte quando cominciano a recitare a memoria la filastrocca di vendita con la stessa capacità interpretativa di un'attrice di una fiction italiana. Ricordare l'irritazione provata nei confronti dei testimoni di Geova che, dopo aver suonato al citofono, esordivano con formule del tipo: "Vorremmo parlarle di un tema molto interessante: l'Apocalisse..."

 

- Quando il display del telefonino mostra un numero non meglio identificato con prefissi di località dove non conoscete nessuno, rispondere sempre "Plonto", quindi, verificato che si tratta di una telefonata indesiderata, proseguire con "Il signor Taldeitali è momentaneamente fuoli, chi devo dile?"

 

- Cercare di broccolare l'operatrice che sta proponendo di passare a un nuovo provider energetico: astenersi.

 

- Censurare le aziende che delocalizzano i callcenter in regioni del mondo meno costose, rubando il lavoro agli italiani. Arabescare sul tema. Attenzione alla deriva leghista.

 

- Ammirare il talento di alcuni operatori telefonici che ti chiamano per offrire dei servizi che hai già a un prezzo lievemente maggiore di quello che stai pagando. Parlare di marketing dadaista.

 

- Durante la sottoscrizione telefonica dei contratti rispondere solo "Sì" o "No"; evitare formule sfumate tipo: "In un certo senso"; "Non completamente"; Dipende". Avere trascorso 55 minuti al telefono obbligando l'operatrice a ricominciare ogni volta da capo. Inebriarsi ancora al ricordo.

 

- Solo pochissime persone hanno questo numero di telefono, ma se non siete parte di questa élite e mi chiamate per cercare di vendermi qualche cazzata, sappiate che avete chiamato il capo del Mossad. E che io vi troverò. (Segreteria telefonica del cellulare di un amico particolarmente irritabile).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • vekkto

    24 Febbraio 2017 - 10:10

    Io ho tre piccoli attori a casa che si divertono a rispondere a queste telefonate inventandosi ogni volta qualcosa e ridendo tra loro. Problema risolto.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni

    24 Febbraio 2017 - 08:08

    Io ho risolto così: per quanto riguarda il telefono fisso ho installato un telefono con segreteria telefonica e risponditore elettronico che mi dice sia il numero del chiamante sia il suo nome se è inserito fra quelli ai quali io accetto di rispondere. Di solito i call center appena sentono la segreteria chiudono subito. Per quanto riguarda il cellulare semplicemente non rispondo ai numeri sconosciuti e sopratutto a quelli che telefonano appunto fra le 11,30 e le 14,30 e la sera fra le 19 e le 20,30 perchè i call center chiamano proprio in questi orari perchè sono gli orari del pranzo e della cena. Poi, per principio non rispondo in quegli orari a nessuno perchè sono gli orari in cui la famiglia si riunisce a tavola e non vogliamo essere disturbati, nemmeno da parenti o amici.

    Report

    Rispondi

  • Dario

    Dario

    24 Febbraio 2017 - 08:08

    Ballarini oggi fenomenale!

    Report

    Rispondi

Servizi