Psichedelico Dick

Le sue “pecore elettriche” diventarono “Blade Runner”. Fantascienza, metafisica e una vita di ossessioni in 44 romanzi e più di cento racconti

Psichedelico Dick

Harrison Ford è tornato in “Blade Runner 2049”, ma il protagonista questa volta è Ryan Gosling: la sceneggiatura è ancora basata sui personaggi di Philip K. Dick (Foto LaPresse)

Ancora oggi è l’icona di una devota comunità di fan sparsi in tutto il pianeta, che si autodefiniscono scherzosamente “dickheads”, gioco di parole basato sul suo cognome che in inglese significa “cazzo”. Fan che hanno aspettato con fanatica trepidazione (come chi scrive) di vedere sullo schermo Blade Runner 2049, il sequel di un capolavoro assoluto della cinematografia mondiale. Parliamo di Philip K. Dick, universalmente noto per essere l’autore del romanzo (Ma gli androidi sognano le pecore elettriche?, 1968) a cui...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    30 Ottobre 2017 - 10:10

    'Blade runner' caplavoro assoluto , giudizio critico boiata assoluta. Usare sempre il superlativo come base di ogni giudizio è una imbecillagine assoluta poichè abolisce la gradazione del valore ,dopo l'assoluto cosa c'è Grillo?.luigi de santis

    Report

    Rispondi

Servizi