Il dio del male

Negando il soprannaturale, non si riconosce più l’Anticristo. Una presenza più che mai attuale

Il dio del male

Francis Bacon, "Studio dal ritratto di Innocenzo X", olio su tela (1953)

“La menzogna non è mai tanto falsa come quando si avvicina molto alla verità. E’ quando la pugnalata sfiora il nervo delle verità che la coscienza cristiana urla di dolore” (G. K. Chesterton, “San Tommaso d’Aquino”)    "Nulla è per l'uomo più seducente che la libertà della sua coscienza, ma nulla è anche più tormentoso", dice il Grande Inquisitore di Dostoevskij A volte, scriveva John Henry Newman, “il nemico si trasforma in amico, a volte viene spogliato della sua virulenza...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giesse

    23 Ottobre 2017 - 13:01

    Dostoevskij, Solov'ev, Bulgakov; quando la letteratura è maestra. Che patrimonio viene da est, altro che i best-sellers da ovest

    Report

    Rispondi

Servizi