Mariti all'inferno

Una nuova drammaturgia della famiglia: in passato Harvey Weinstein l’avrebbe sfangata. Danni collaterali, la carriera di stilista della moglie

Mariti all'inferno

Foto LaPresse

Prologo. Nostra culpa, nostra maxima culpa. Alla notizia che nella caduta del tycoon Harvey Weinstein sarebbe stata trascinata anche Marchesa, la linea di abitoni da red carpet della moglie Georgina Chapman, noi scribi della moda italica abbiamo lanciato grida di giubilo. Mentre una schiera infinita di commentatori e di cronisti improvvisamente svegli e memori si interrogavano sull’omertà che accompagnava da trent’anni la carriera di predatore sessuale del produttore della Miramax, mentre le donne di tutto il mondo si domandavano se...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi