Siamo meno globali

Il mondo degli scambi si è ristretto, per la prima volta dal 1945. Dalla Bce e dalla Fed allarme all’unisono: guai al protezionismo

Siamo meno globali

Janet Yellen, presidente della Federal Reserve, e Mario Draghi, presidente della Banca centrale europea, a Jackson Hole nel Wyoming il 25 agosto scorso (foto Reuters)

Isignori delle monete, riuniti come ogni anno a Jackson Hole tra le montagne del Wyoming, questa volta sono rimasti sorpresi: si attendevano di capire se le banche centrali avessero deciso di stampare meno bigliettoni e da quando, ma Janet Yellen e Mario Draghi li hanno spiazzati e all’unisono hanno lanciato un messaggio politico: giù le mani dal libero scambio, guai al protezionismo. L’economista americana e il grand commis italiano si conoscono bene, non sarebbe strano se si fossero sentiti e...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • mristoratore

    04 Settembre 2017 - 14:02

    pelle di zigrino?

    Report

    Rispondi

Servizi