Il cinema degli dei

Visconti secondo Bogarde. Gli eccessi del principe regista, la sublime discrezione dell’attore: due mondi che si incontrano in un capolavoro

Il cinema degli dei

Luchino Visconti e Dirk Bogarde sul set di “Morte a Venezia”

“Sono convinto che l’arte sia il compito più alto e l’attività propriamente metafisica di questa vita” (Friedrich Nietzsche) “Il bello è difficile” (Platone)       "Cosa vuole che me ne importi del suo stupido violino quando lo Spirito mi parla?". E’ così che Beethoven avrebbe cortesemente risposto a un musicista che trovava impossibili alcune sue soluzioni musicali. Michelangelo sembra non essere stato più conciliante con Papa Giulio II che gli chiedeva quando avrebbe ultimato la Sistina. Che questi aneddoti siano...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi