Il mio Isherwood

Memorie d’arte e d’amore. A colloquio con Don Bachardy, ottantaquattro anni, che amò l’autore di “A single man”

Il mio Isherwood

Christopher Isherwood e Don Bachardy come appaiono nel documentario “Chris and Don: A Love Story” (Zeitgeist Films)

Pasolini in California. Immaginare invece dell’Idroscalo di Ostia una bella spiaggia americana, una Ford spider al posto dell’Alfa Romeo Gt, gli Stati Uniti assolati al posto dell’Italia sanguinolenta. Niente chiese cattoliche né partiti comunisti o attentatori fascisti. E se il poeta di Casarsa avesse abbandonato l’Italia e la mamma, chissà, chissà (quante ipotetiche).   Aveva una faccia proprio da “Ragazzi di vita” Don Bachardy, ottantaquattro anni, ritrattista oggi celebre di Hollywood, ma soprattutto vedovo glorioso ed ex pischello di Christopher...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi