Il global siamo noi

Non c’è più un uomo senza smartphone. Da dieci anni è lo strumento che ci mette in contatto col mondo. Una sinfonia di modernità

Alberto Brambilla

Email:

brambilla@ilfoglio.it

Il global siamo noi
A metà del secolo scorso pochi capirono l’importanza che i container navali avrebbero avuto per l’economia globale. Nel 1956 un imprenditore dei trasporti su camion, Malcolm McLean, ebbe la geniale idea di caricare l’intero contenitore delle merci su una nave, anziché le merci prese singolarmente. Fu l’inizio di una rivoluzione che permise di trasportare più beni su navi sempre più giganti, di fluidificare gli scambi commerciali, di aumentare i traffici nei porti maggiori come Amburgo, New York o Singapore. Oggi...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi