Gli illustri precedenti del salvataggio delle banche venete

La soluzione trovata dal ministro Padoan per la Popolare di Vicenza e la Veneto Banca era già stata usata in passato. A cominciare dall’Ambrosiano

Gli illustri precedenti del salvataggio delle banche venete

Il 17 giugno 1982 fu sciolto il consiglio d'amministrazione dell'Ambrosiano e arrivò un commissario della Banca d'Italia. Il 18 Roberto Calvi venne trovato morto a Londra. Foto LaPresse

Corre l’anno 1978, mese di aprile e tutto è sossopra nel quartier generale del Banco Ambrosiano dove regna Roberto Calvi “l’indocile banchiere” (secondo Robert Buxton del Financial Times) dagli occhi di ghiaccio. La puzza di bruciato è arrivata fino in Banca d’Italia, ma i funzionari della Vigilanza inviati da Paolo Baffi non riescono a districarsi nel labirinto della finanza creativa ordito dal “banchiere di Dio” (secondo un altro ancor più celebre appellativo), soprattutto nel groviglio di filiali estere. Tanto che...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi