Il fantasma di Errani

L’ennesimo fallimento di un modello. O la vittoria dell’unico modello che resiste in Italia: la burocrazia

Il fantasma di Errani

Vasco Errani, commissario straordinario del governo per la ricostruzione nei territori colpiti dal terremoto del 24 agosto scorso (foto LaPresse)

In un paese nel quale si occupano di prevenzione a vario titolo 3.600 enti, e che conta per la definizione dei procedimenti 1.200 norme, con tempi lunghissimi per arrivare a una decisione (la durata media di una Valutazione di impatto ambientale è di 30 mesi), parlare di modelli per la ricostruzione è banale e francamente stucchevole perché l’unico modello che può funzionare in una situazione di emergenza è quello che va in deroga alle norme ordinarie.    Assediati, però, dalla...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi