Il fu uomo qualunque

I nobili siciliani nella trasposizione cinematografica che Luchino Visconti fece, nel 1963, del “Gattopardo” di Giuseppe Tomasi di Lampedusa

Il fu uomo qualunque
La vera Scilla è Napoli, e Cariddi è Palermo. Il largo tratto di mare che separa le due città è uno stretto che Guglielmo Giannini, fondatore dell’Uomo Qualunque nonché scrittore di vaglia – “E di telegrammi!”, aggiunge lo spiritoso amico che l’accompagna nella traversata – farebbe volentieri a nuoto: “Per abbracciare così gli amorevoli siciliani sempre pronti alle battaglie in difesa degli ultimi e contro il rutto del Nord e gli u.p.p. Ovverosia, uomini politici professionali!”.   Il postale si...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    25 Giugno 2017 - 16:04

    Splendido Buttafuoco. In perfetta, complice sintonia, con lo sfondo ben descritto in rima da Francesco Petrarca: " Italia mia, benché ’l parlar sia indarno a le piaghe mortali che nel bel corpo tuo sì spesse veggio … “

    Report

    Rispondi

  • mauro

    25 Giugno 2017 - 14:02

    Caro conterraneo, anche se non più correligionario, erano, tanto per cambiare, giorni di grande confusione, durante la quale i nostri atavici difetti avevano tutto l'agio per sbizzarirsi. Ma rispetto a quella di oggi era una confusione onesta. Persino il blocco social cominista era composto da gente onesta, che credeva onestamente in quel che proponeva. E don Calogero Vizzini un padre di famiglia, che una mano, forse, la voleva dare davvero. Creda a me, che allora ero già in età d'intendere.

    Report

    Rispondi

  • adebenedetti

    25 Giugno 2017 - 13:01

    Grazie signor Pietrangelo.Lei, insieme a pochi altri,giustifica il costo del mio abbonamento.

    Report

    Rispondi

Servizi