Verona, Bisinella e una lega d'amore

Altro che “fidanzata di”. Ha tanta grinta politica e un bel programma Patrizia Bisinella, che a Verona corre per succedere nella poltrona di sindaco a Flavio Tosi, suo compagno nella vita e promesso sposo

Verona, Bisinella e una lega d'amore

Foto LaPresse

Intanto c’è da combattere la fama negativa che a Verona circonda i fidanzamenti contrastati e troppo legati a questioni di potere. Sfida alla tradizione, perlomeno letteraria e turistica, che mostra quanto in questa storia si abbia a che fare col coraggio. Si comincia, ma solo per ragioni legate allo svolgimento dei fatti, da Flavio Tosi e dalla sua scelta, forzata dell’espulsione, di battersi contro il leghismo, da veneto, non sui territori battuti dalla Liga Veneta, la proto-lega, indipendentista e antiromana...

Registrati per continuare a leggere

La registrazione è gratuita e
consente la lettura
degli articoli
in esclusiva del Foglio
per una settimana.

Se sei già abbonato, ACCEDI.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    19 Giugno 2017 - 14:02

    a destra ( il Pd le ha) cominciano a spuntare donne toste e non lagne alla Gelmini o Carfagna o la pitonessa macchietta in tv.

    Report

    Rispondi

Servizi