Il diavolo veste Isis

Ricordate il “mysterium iniquitatis” di san Paolo? Oggi il Male, ridotto quasi a un’esercitazione sociologica, non è più al centro della dottrina cristiana. Ma le persecuzioni ce lo ricordano col sangue

Il diavolo veste Isis

Foto LaPresse

“Quali sono oggi i bisogni maggiori della Chiesa? Non vi stupisca come semplicista, o addirittura come superstiziosa e irreale la nostra risposta: uno dei bisogni maggiori è la difesa da quel male, che chiamiamo il Demonio. Il male non è più soltanto una deficienza, ma un’efficienza, un essere vivo, spirituale, pervertito e pervertitore. Terribile realtà. Misteriosa e paurosa” Paolo VI, 1972     Dove siamo? Dov’è quella libertà che ci ha liberato dal male?”, si domandava padre Samir Youssef, della...

Registrati per continuare a leggere

La registrazione è gratuita e
consente la lettura
degli articoli
in esclusiva del Foglio
per una settimana.

Se sei già abbonato, ACCEDI.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi