Tabula rasa

Sarà pure una “squadra di riserve”, ma il Califfato ha inghiottito civiltà millenarie. E dopo il suo crollo ci lascerà un medio oriente più islamico

Giulio Meotti

Email:

meotti@ilfoglio.it

Tabula rasa

Un miliziano dell'Isis distrugge un'antica statua custodita al museo di Ninive

Nel 1986 Federico Zeri scrisse sulla New York Review of Books: “Delle quattro grandi metropoli del mondo romano (Roma, Cartagine, Alessandria, Antiochia) soltanto la prima appartiene ancora all’occidente; di Antiochia, dei suoi famosi monumenti, non resta che qualche pavimento e mosaico, di Alessandria (celebre per la sua Biblioteca, per il suo Faro, una delle Sette Meraviglie del mondo, per le sue strade lunghe e diritte) qualche rottame indica il suo incomparabile splendore; e dell’immensa Cartagine i miseri resti dell’Anfiteatro, paragonabile...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi