La Rai che non fu

Il rinnovamento forse era un’illusione. Analisi delle cose fatte e non fatte da Antonio Campo Dall’Orto

La Rai che non fu

Antonio Campo Dall'Orto (foto LaPresse)

“Non invecchiare con la generazione che hai allevato”. Così recitava il motto sfoggiato da Campo Dall’Orto al suo arrivo in Rai, nell’estate del 2015, poco meno di due anni fa. L’anno in cui la Rai sarebbe diventata pop. Un motto che sapeva di rischio, avventura, futuro, discontinuità. Eravamo tutti su di giri per lo sbarco del modello “Mtv” a viale Mazzini, il vento di Milano-Londra-New York che soffia impetuoso sulle sonnolenze romane, un manager masterizzato a Publitalia, osannato alla Leopolda,...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carlo.trinchi

    06 Giugno 2017 - 22:10

    Campo Dall'Orto: si autocancelli con la gomma pane.

    Report

    Rispondi

Servizi