Sex & the startup

Dalla figlia di Wolfe (sulle tracce paterne) alla rivelazione Tulathimutte fino al trumpiano Vance. Prove di grande romanzo della Silicon Valley

Sex & the startup
San Francisco. Cinquant’anni fa uno sciopero editoriale sulla costa est spinse un giornalista talentuoso di nome Tom Wolfe a venire a San Francisco per seguire, per un long form e un new journalism che ancora non pronunciavano il loro nome, la band scapestrata dei Merry Pranksters, gli Allegri Burloni, su un pulmino chiamato “Oltre”.   A New York infatti i giornalisti scioperarono per mesi e l’editore spedì Wolfe in California, piuttosto che non fare nulla. Ne venne fuori un grande...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi