Lo scatto di colpa. Sulla coscienza dell’occidente pesano alcune fotografie

“Nella nostra utopia umanitaria nessuno deve più soffrire”. Parla il grande storico Victor Davis Hanson

Giulio Meotti

Email:

meotti@ilfoglio.it

Lo scatto di colpa. Sulla coscienza dell’occidente pesano alcune fotografie
Quattro settembre 2015. Quarantamila migranti siriani stanno attraversando i Balcani diretti in Austria e poi in Germania. “Siamo su un aereo senza carburante e non sappiamo cosa fare”, dice un ufficiale alto in grado della sicurezza ad Angela Merkel. La cancelliera si attacca al telefono con il ministro dell’Interno, Thomas de Maizière, che aveva accettato una serie di raccomandazioni delle autorità su come proteggere i confini. Migliaia di poliziotti vengono segretamente dislocati con i bus e gli elicotteri al confine....

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi