Alla corte degli Asburgo: la Spagna e noi, nel Seicento

El siglo de l'arte italiana. Dipinti che andavano, pittori che venivano “Da Caravaggio a Bernini”, una mostra a Roma con i capolavori delle collezioni reali di Madrid

Alla corte degli Asburgo: la Spagna e noi, nel Seicento

Diego Velasquez, "La tunica di Giuseppe ebreo", 1630 (dettaglio)

Visto con gli occhi di Velázquez e immortalato nella più sensazionale galleria di ritratti realizzata per il medesimo sovrano in età moderna, Filippo IV d’Asburgo, discendente in linea diretta da Carlo V, manifesta solitamente un’espressione più sonnolenta che da vispo sciupafemmine. E’ noto che il Cristo crocifisso dipinto da Velázquez intorno al 1632, quello – tanto per intenderci – con la ciocca di capelli che ricadono coprendo metà del visto del Salvatore, fu commissionato dal re al pittore sivigliano quale...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi