Se credete che la globalizzazione sia nata con la Coca-Cola vi sbagliate

Tutto parte da una storia di galeoni spagnoli, monete d’argento e sete cinesi

Se credete che la globalizzazione sia nata con la Coca-Cola vi sbagliate

I galeoni spagnoli partivano da Acapulco, in Messico, e arrivavano a Manila per commerciare con le giunche cinesi. Foto via MaxPixel

Iniziamo con un quiz. Chi ha inventato la globalizzazione? Difficile a dirsi, visto che “globalizzazione” è un termine applicato post ante a un fenomeno esistito quasi da sempre. Ma se si dovesse cercare il padre della globalizzazione moderna, quel gran movimento che ha unito tutti i continenti in un unico flusso di merci, finanze, persone, forse si potrebbe azzardare Adam Smith, che ha posto le basi teoriche dell’economia capitalistica. Magari si potrebbe pensare alla regina Vittoria, sotto il cui dominio...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • srbarbly

    23 Maggio 2017 - 01:01

    Ma "post ante" è una svista.. si..!?

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    02 Maggio 2017 - 13:01

    Certo le immense quantità d'oro argento e pietre preziose trovate in America centrale provocarono un grandioso rigurgito globalizzante trans-Atlantico , ma l'aver trovato manufatti romani ( i commercianti di Roma antica e eserciti annessi sparsero ovunque prodotti romani e prodotti acquistati in ogni parte dell'impero) in India e in Cina qualche riflessione dovrebbero indurla.

    Report

    Rispondi

Servizi