Cronache e avventure della procura più pazza del mondo

Dal “Tranigate” di Berlusconi al complotto di Standard & Poor’s, in mezzo decine di inchieste sulle banche. E poi Bankitalia indagata per usura e i vaccini correlati all’autismo. Questa è la procura di Trani

Cronache e avventure della procura più pazza del mondo

Foto LaPresse

Si è tornato a parlare delle inchieste della procura di Trani dopo le assoluzioni nei processi alle agenzie di rating, ma la prima volta che la procura pugliese è diventata il palcoscenico dell’informazione giudiziaria risale al marzo del 2010, con l’arrivo di Michele Santoro, assediato da una folla di curiosi e giornalisti, per una deposizione sul “Tranigate”. E’ l’inchiesta del giovane pm Michele Ruggiero su Silvio Berlusconi, allora presidente del Consiglio, intercettato mentre esercita pressioni per censurare Annozero, la trasmissione...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • guido.valota

    10 Aprile 2017 - 19:07

    Purissima commedia all'italiana scopiazzata male da Lino Banfi e Alvaro Vitali. Woodcock, invece, ha più a che fare con lo stile (si fa per dire) Boldi - De Sica. Solo che quelli contribuivano al pil, mentre questi giocano al piccolo rivoluzionario con i soldi dei contribuenti.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    10 Aprile 2017 - 17:05

    la corte dei conti se agisse come impone la legge cumulerebbe tanti miliardi da diminuire il debito pubblico. Come arma formidab ha il danno erariale che usa poco o non usa. Procedimenti giudiziari costosissimi finiti nel nulla o assoluzioni definitive perchè totalmente prive di fondamento dovrebbero essere colpite dalla Corte per danno erariale e ope legis condannare il ministero di giustizia a risarcire il danno . Alla fin fine il ministero di giustizia tartassato sarebbe costretto a avviare continue ispezioni nei tribunali per capire perchè innumerevoli errori . Chi si lamenta per la mala giustizia più che la abolizione della obbligatorietà della az.penale o la divisione delle carriere dovrebbero insistere su la modifica sostanziale del CSM e la eliminazione delle guarentigie-filtro su i reati commessi da magistrati. Solo così si potrebbe in Italia ridurre i casi di mala giustizia .Nessuno osa più di tanto poichè l'ombra di Bacco-ANM vigila.

    Report

    Rispondi

Servizi