Un'altra Parigi

La città cambia con il Secondo impero. Manet ne coglie i fermenti e apre le porte della pittura alla modernità. Una mostra a Milano

Un'altra Parigi
Tra il 1852 e il 1870, Parigi è una città pronta al cambiamento, alla crescita e al miglioramento, una città che si sta perfezionando grazie all’imperatore Napoleone III e al prefetto della Senna, il barone Georges Eugène Haussmann, l’uomo che riuscirà a darle il volto di una capitale moderna, vivace, ariosa e sfavillante di luci attraverso trasformazioni che portarono a nuovi stili di vita, al fascino, all’atmosfera ammaliante e a molti dei suoi luoghi e monumenti-simbolo che oggi conosciamo e...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi