Il partito della maldicenza

Dal governatore Crocetta all’ex pm Ingroia: la facilissima arte di mascariare chi non è d’accordo con loro

Il partito della maldicenza

L'ex pm Antonio Ingroia con Rosario Crocetta, dal novembre 2012 presidente della regione Sicilia

Il gioco è semplice. Basta dire, ma allo stesso tempo non dire. Alzare non il vento della polemica, ma la brezza della maldicenza. Diffondere il cattivo odore dell’illazione, dell’allusione. E ovviamente, è necessario non citare alcun fatto concreto, ma fermarsi alla superficie dello scandalicchio sotto la quale, spesso, non trovi nulla. Ma intanto, il gioco è fatto. Basta quello per lanciare un avvertimento, per avvisare l’avversario: qui si gioca sporco. Per intimidire e delegittimare, per allungare l’ombra del discredito con...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi