Matteo Messina Denaro, l'inafferrabile

Tante chiacchiere, nessuna traccia. Ora cambiano pure gli uomini della caccia al boss della mafia ancora latitante

Matteo Messina Denaro, l'inafferrabile

L’identikit elaborato al computer di come dovrebbe essere oggi Matteo Messina Denaro, latitante dal 1993 (foto LaPresse)

Si ha la netta sensazione di essere seguiti, spiati quando si mette piede a Castelvetrano e dintorni. E’ il destino di chi transita nella terra di Matteo Messina Denaro. Uno spiegamento di forze che non ha eguali su tutto il territorio nazionale. La concentrazione di agenti e microspie lo ha reso il paese più sorvegliato d’Italia. E’ per questo che fa più impressione il silenzio del latitante. Non ci si attendeva certo di captarne la voce, ma almeno un segnale,...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi