Il sogno americano s'è impigrito

Sistemato in salotto, non ha più così voglia di avventure fuori casa. Ma non ci sono funerali da organizzare, l’America ritornerà

Io sto bene dove sto

Mettiamoci in macchina e partiamo? Non più. Il tasso di americani che si spostano in stati diversi da quello d’origine si è quasi dimezzato rispetto agli anni 60 (illustrazione di Norman Rockwell)

Da quando Donald Trump ha vinto le elezioni negli Stati Uniti si sono moltiplicati i “must read” per comprendere perché un presidente così poco ortodosso, per usare un eufemismo, sia riuscito a conquistare un paese come l’America che tutti avevamo la presunzione di conoscere bene, al punto da prevederne le scelte. Abbiamo letto libri, guardato documentari, abbiamo cercato di recuperare le lacune che, per leggerezza e supponenza, avevamo accumulato durante la campagna elettorale del 2016 mostrandoci refrattari, per usare un...

Registrati per continuare a leggere

La registrazione è gratuita e
consente la lettura
degli articoli
in esclusiva del Foglio
per una settimana.

Se sei già abbonato, ACCEDI.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi