Massimo Recalcati, lo psicoanalista organico

Dal lettino al Lingotto. Metamorfosi del guru in pectore della scuola politica renziana

Marianna Rizzini

Email:

rizzini@ilfoglio.it

Massimo Recalcati, lo psicoanalista organico

Massimo Recalcati (a sinistra) con Agnese Landini Renzi, Alessandra Moretti e Maria Elena Boschi nel novembre scorso alla Leopolda (foto LaPresse)

Ci avevano provato con tutto, a rianimare l’esangue corpaccione del giovane eppure malconcio Partito democratico: con il politologo, con i padri fondatori, con gli esperti di leggi elettorali, con le madrine e i padrini, i cantanti e gli attori, i filosofi e gli scrittori, e con i camper, i treni, i volantini, le cosiddette “alchimie programmatiche” e l’amalgama tra componenti impossibili da amalgamare – rilanciata in ogni possibile versione. Ci avevano provato per anni, tra Walter Veltroni e Pier Luigi...

Registrati per continuare a leggere

La registrazione è gratuita e
consente la lettura
degli articoli
in esclusiva del Foglio
per una settimana.

Se sei già abbonato, ACCEDI.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi