La leva militare

Svezia infelice. La società del benessere s’è ristretta ed è meno sicura di sé. Crescono le tensioni con l’islam e la Russia. Così torna la naja

La leva militare

Le tensioni di questi anni in Svezia hanno rivelato la fragilità e la debolezza della polizia che non ha né forze né leggi adeguate (foto LaPresse)

Il governo di Stoccolma ha deciso di tornare alla leva obbligatoria. E Peer Enqvist è d’accordo: “La neutralità è un’utopia che non possiamo più permetterci”, commenta. Il ragazzo, appena ventenne, frequenta il corso di teoria politica in una delle università più prestigiose del nord Europa, già tempio di teologi e oggi serbatoio per la classe dirigente. Anders Huss, invece, è decisamente seccato: “Dici così perché non tocca a te andare sotto le armi l’anno prossimo. Io ricordo mio padre ufficiale...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi