Papà arriva dopo

L’umanità ha impiegato millenni per scoprire la paternità. E’ stata una rivoluzione con qualche egoismo, ma poi con vantaggi per tutti

Papà arriva dopo

Tavik Frantisek Simon, “Ritratto della famiglia dell’artista allo specchio”, 1910

Chissà perché pensiamo che la figura del padre sia apparsa nella storia dell’umanità e nella mente degli uomini contemporaneamente a quella della madre. Eppure basta rifletterci sopra un poco per capire che non può essere andata così. La nascita, per come si mostra e ci appare, è tutta e solo questione femminile, di donna, e nient’affatto maschile. Il maschio non si rivela nella nascita del “cucciolo d’uomo”, cosicché il suo ruolo in essa è nascosto, oscurato peggio di quel che...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi