Un ponte chiamato Toscanini

Parole e musica: tra Italia e Stati Uniti, Salini Impregilo ricorda il leggendario direttore nato 150 anni fa

Un ponte chiamato Toscanini

Toscanini gioca a nascondino con la nipote (foto dalla collezione privata della contessa Emanuela di Castelbarco, in concessione alla Fondazione Arturo Toscanini)

Negli ultimi anni della sua vita, Arturo Toscanini si lamentava di chi, credendo di fargli il più lusinghiero dei complimenti, diceva che era sempre rimasto se stesso: “È la cosa più stupida che io abbia sentito raccontare su di me. Non sono mai stato uguale a me stesso, nemmeno da un giorno a quello dopo. La gente forse non lo sapeva, ma io sì”. Il maestro Antonio Pappano, nell’introduzione al volume che celebra i 150 anni della nascita del leggendario...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi