Ielo, oggi e domani

Da Milano a Roma, da Mani pulite a Mafia Capitale e al caos grillino. Ritratto del pm che non ha voluto (o potuto) riscrivere la storia d’Italia

Ielo, oggi e domani

Paolo Ielo, procuratore aggiunto a Roma durante un’udienza del processo Mafia Capitale (foto LaPresse)

Il dottore Paolo Ielo, messinese di nascita, avrà sicuramente fatto molti viaggi a Roma fin da giovane ma probabilmente due gli saranno rimasti impressi nella memoria più di tutti gli altri. Certamente quello compiuto nel dicembre 2008, quando, a 47 anni, si è trasferito nella capitale lasciando il tribunale di Milano dove aveva lavorato prima come giudice poi, dal 1993, come pm nel pool “Mani pulite” per tornare poi, dopo dieci anni, nei ruoli della giudicante come gip e infine,...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi