E Davide divenne Golia

Che cosa ha spinto Israele a trasformarsi in una superpotenza militare? La paura. Così il paese “un po’ Rambo e un po’ Primo Levi” è diventato un modello per tutto il mondo

E Davide divenne Golia

Un soldato e un mezzo corazzato dell’esercito israeliano. Yaakov Katz e Amir Bohbot, due giornalisti esperti di sicurezza, sono gli autori del libro (foto LaPresse)

Il regista francese Claude Lanzmann una volta ha detto che i paracadutisti israeliani sono di un altro tipo rispetto ai parà francesi: “La prova è che hanno ancora i capelli”. L’autore del monumentale “Shoah” voleva dire che gli israeliani sono grandi soldati per necessità, non per militarismo. Sono pochi, circondati da nemici implacabili, venti volte più numerosi: per sopravvivere, Israele deve vincere subito e con un successo risolutivo. Lo scrittore Amos Oz ha dato forse la migliore definizione di Israele:...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi