L’isola della prima repubblica

Da trent’anni sulla scena. Leoluca Orlando si prepara a diventare per la quinta volta sindaco di Palermo

Leoluca Orlando

Leoluca Orlando alla 32° Assemblea ANCI a Torino (foto LaPresse)

Correva l’anno 1985. Era il maggio odoroso e mentre il Verona di Osvaldo Bagnoli si apprestava a festeggiare il suo storico scudetto e Mikhail Gorbaciov muoveva i primi passi da segretario del Pcus, a Palermo un professore democristiano trentottenne diventava sindaco. Si chiamava Leoluca Orlando, o Orlando Cascio, come ancora oggi qualche nostalgico lo chiama ricordando il doppio cognome usato dal padre, avvocato e professore. All’epoca al Quirinale sedeva per le ultime settimane Sandro Pertini e a Palazzo Chigi regnava...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi