L’inchiesta riscaldata

“Sistemi criminali”: storia di un calderone giudiziario buono per tutte le stagioni e tutte le mascariate. Un fascicolo sempre archiviato e sempre resuscitato. Fino alla Trattativa

I pubblici ministeri Nino Di Matteo, Roberto Scarpinato e Antonio Ingroia, prima che quest’ultimo, nel dicembre 2012, lasciasse la toga per entrare in politica

I pubblici ministeri Nino Di Matteo, Roberto Scarpinato e Antonio Ingroia, prima che quest’ultimo, nel dicembre 2012, lasciasse la toga per entrare in politica

I “sistemi criminali” sono diventati una categoria giudiziaria, il paradigma che ha segnato e giustificato una stagione di inchieste e processi mai conclusa. E’ come se il pensiero filosofico avesse trovato applicazione nella giustizia. Quella delle categorie di Aristotele era la dottrina dei sommi predicabili, dei concetti generali sotto cui è dato assumere ogni realtà. I “sistemi criminali”, nonostante l’impossibilità di raggiungere la verità, ammessa dagli stessi pubblici ministeri di Palermo che ne chiesero l’archiviazione, hanno tracciato le linee guida...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi