Il rapporto tra Washington e Pechino, il più importante per il futuro del mondo, ha una storia di mercanti, missionari e miliardari

L’America ha sempre avuto un afflato morale nei confronti della Cina. Ma i cinesi non desiderano essere salvati – soprattutto ora

Eugenio Cau

Email:

cau@ilfoglio.it

Richard Nixon, il presidente americano che aprì alla Cina, a Pechino nel 1970. John Pomfret ha scritto una storia delle relazioni tra i due paesi dal 1776 a oggi

Richard Nixon, il presidente americano che aprì alla Cina, a Pechino nel 1970. John Pomfret ha scritto una storia delle relazioni tra i due paesi dal 1776 a oggi

La prima volta che la politica americana ha parlato di un “muro” per proteggere la patria dall’afflusso nefasto di immigrati illegali è stato negli anni Ottanta del Diciannovesimo secolo. Il muro avrebbe avuto più o meno la stessa collocazione di quello che oggi vorrebbe costruire Donald Trump, lungo il confine con il Messico, e faceva parte del primo grande progetto di sistematizzazione della politica migratoria interna degli allora giovani Stati Uniti. La burocrazia federale sull’attività migratoria fu creata in quel...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi