Il libro nero del Rinascimento

Il bene e il male nel secolo della bellezza

Accanto a Botticelli, a Michelangelo e al Magnifico, una realtà oscura dominata da banchieri senza scrupoli, politici venali, ecclesiastici lascivi. Alexander Lee ha esplorato questo groviglio di avidità, violenza e depravazione

Il bene e il male nel secolo della bellezza

Filippino Lippi, “Pala Nerli”, 1485-’88 circa (Firenze, basilica di Santo Spirito)

Nei primi giorni del settembre 1814, Stendhal appunta nel suo “Journal”: “L’altro ieri, scendendo dall’Appennino per arrivare a Firenze, il mio cuore batteva forte… Ero già in una sorta di estasi, per l’idea di essere a Firenze, e la vicinanza dei grandi uomini di cui avevo visto le tombe… Ero arrivato a quel punto d’emozione dove si incontrano le sensazioni celestiali date dalle belle arti e dai sentimenti appassionanti…”. Aveva la memoria piena della prima visita, a Firenze il 26...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi