Il corpo ben scavato

Squarci, strappi, ferite: la materia degli inizi ora sembra carne, plasmata in una bellezza di forme e colori che incanta e disorienta. L’arte di Anish Kapoor in mostra a Roma

Il corpo ben scavato

Anish Kapoor, “Taratantara”, 1999, Pvc e acciaio (Baltic Centre For Contemporary Art, Gateshead 2000 - foto John Riddy). Kapoor espone a Roma, al Macro di via Nizza, da oggi al 17 aprile

Mettete da parte, almeno per un istante, tutto quello che sapete o immaginate su Anish Kapoor, ma non dimenticatelo, perché ciò che è stato, come spesso avviene nel mondo dell’arte, può sempre tornare e trasformarsi in qualcos’altro, fondamentale per comprenderne il presente. Per oltre trent’anni, l’artista indiano (è nato a Bombay nel 1954), ma londinese d’adozione, ha amato lavorare sull’indagine dello spazio fino ad entrarvi e trovarne uno infinito: l’interno della materia. Ha tenuto a evidenziare che quest’ultima non è...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi