Giovinezza, giovinezza

Perché al referendum Renzi è stato sconfitto da questa fascia d’età. E’ ancora l’economia, stupidi

Luciano Capone

Email:

capone@ilfoglio.it

giovani referendum

La generazione Erasmus ha votato quasi compatta. Secondo un sondaggio di Quorum per conto di Sky Tg24 il No ha registrato la quota più alta di consensi proprio tra i giovani, l’81 per cento

Matteo Renzi sapeva che il voto dei giovani era un punto debole e nella campagna referendaria ha cercato in tutti i modi di accostare il fronte del No alla conservazione di un sistema che penalizza i giovani. Ha puntato molto sulla necessità del cambiamento, ha descritto il referendum come “un derby tra Gattopardo e innovazione”, si è intelligentemente scelto gli antagonisti tra i rappresentanti della gerontocrazia e della vecchia “casta” politica italiana, si è scontrato con Massimo D’Alema, ha fatto...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • efis.loi

    12 Dicembre 2016 - 18:06

    Torniamo sempre al problema del bastone e della carota. Si può in democrazia usare il bastone? No, perché c'è sempre qualcuno che ti soppianta mostrando carote. Allora, avanti con le carote. Mai che qualcuno proponga di istruire l'asino. Magari con una bella scuola.

    Report

    Rispondi

  • iksamagreb@gmail.com

    iksamagreb

    12 Dicembre 2016 - 14:02

    Eccone un altro che della risposta referendaria giovanile non ha capito un tubo. Buttarla sul lato economico vuol proprio dire non capire niente dei giovani, non essere stato giovane. I giovani, giusto o sbagliato vanno per assoluti, il relativismo le sfumature del grigio l'accomodamento e il compromesso non esistono: esiste solo il bianco e il nero il bene e il male il giusto e lo sbagliato, punto e basta. La proposta di riforma era né giusta né sbagliata, un papocchio misterionon era nulla di chiaro perciò è stata bocciata, come un incomprensibile ma inutile papocchio. I giovani vogliono vederci chiaro, graziaddio. Poi.. verranno a patti, poi si arrenderanno al compromesso, primum vivere deinde philosophare, ma finché è possibile i giovani inseguono e perseguono l'ideale. Renzi malgrado giovane è stato solo un bimbino invecchiato e certamente non ha saputo farli sognare anzi ha saputo solo anestetizzare, deprimere e deludere. Rottamato.

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    12 Dicembre 2016 - 13:01

    Questi sono dati, argomenti razionali, numeri. Dall'altra parte c'è un pagliaccio bollito che strepita con gli stessi toni di Hitler e invita a votare di pancia. Chi volete che scelgano i gggiovani, addestrati da sinistra a pretendere solo diritti e certificati da Invalsi, OCSE ecc nella loro preparazione culturale praticamente a livello di scimmie?

    Report

    Rispondi

  • franco.bolsi

    12 Dicembre 2016 - 12:12

    Caro Capone, l’analisi del perchè Renzi ha perduto il referendum è corretta. I giovani non hanno lavoro e un futuro precario perché contrariamente a quanto affermano commentatori choosy, Renzi non è un liberale. Lo fosse avrebbe rischiato il posto tagliando la spesa e mettendo mano ai mille problemi che generano tasse (che non ha abbassato) rendendo impossibile lo sviluppo. Aggiungo che non solo i giovani vedono centinaia di migliaia di clandestini che manterremo a vita e che oggi sono costati dieci miliardi o poco meno. Ma come, spendi tanto per degli estranei che riducono il mio quartiere in briciole e non trovi il modo di darmi lavoro? Oltre alle città con decine di migliaia di parastatali inutili mantieni anche estranei che non vuole nessuno? O me o il diluvio, in sostanza. Il diluvio c’è già. Di un po d’acqua in più non se ne accorge nessuno. Nella speranza che il PD scompaia e si riaffacci intelligenza nel centro destra, la saluto.

    Report

    Rispondi

Servizi