Tech and the City

Il tassinaro di Uber

Sulle strade della California, tra Alberto Sordi e Bret Easton Ellis. Molta conversazione, guida così così

Il tassinaro di Uber

Ascoltare i racconti dei conducenti di Uber, o di Lyft (come la macchina nella foto, a San Francisco): sono sempre piccoli apologhi del sogno americano su quattro ruote, perché nessun autista è solo u

Questa non è una marchetta (purtroppo; più le società sono sharing e meno soldi hanno da spendere; neanche in buoni-sconto, cattivi). E però, vivendo da un mese esatto nel Primo mondo, mondo californiano 2.0, che ha abolito i tassì, che progetta il treno-capsula da Los Angeles a New York e presto l’auto autonoma, e intanto si muove solo con Uber, ci si è resi conto che l’autista dell’auto di piazza interconnessa, detto anche l’uberista, è un punto di riferimento, una...

Registrati per continuare a leggere

La registrazione è gratuita e
consente la lettura
degli articoli
in esclusiva del Foglio
per una settimana.

Se sei già abbonato, ACCEDI.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi