Fatti, commenti, appuntamenti del giorno presi dal taccuino di Mario Sechi

Parigi, Italia: Macron unisce, Renzi divide

Il voto in Francia è il passaggio chiave di questa stagione della politica sul Vecchio Continente, e sull'Italia in particolare

Parigi, Italia: Macron unisce, Renzi divide

Emmanuel Macron (foto LaPresse)

Contenuto disponibile solo per utenti abbonati

Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati. Se sei già nostro cliente, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione in alto a sinistra. Se non sei abbonato, che aspetti? Abbonati subito.

Scopri tutte le offerte per entrare nel Foglio

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    21 Marzo 2017 - 13:01

    Zibaldonerie : Macron unisce perchè nano tra nani.Renzi divide perchè è talmente ingombrante che occupa non solo lo scompartimento ma anche il vagone. gli anti-renzi hanno creato tanti partitini lilliput ma dovrebbero chiamarsi partito di Sansone ( quello ' muoia Sansone ecc. ') ,altrimenti il Pd sarebbe over 30% anzi al 40% . Salvini è un fenomeno perchè è tutto il giorno ospite tv. Non sarà mai premier è un abilissimo venditore non altro ( cfr Bossi) . Pannella con i suoi centri di osservazione dei tempi di apparsate in tv affermò che Grillo prese milioni di voti,alle politiche , per eccesso di comparsate disdegante ma dai media ossessivamente elargite. il Cav ha perso il treno ingruppandosi con l'accozzaglia .Meloni fa la prima donna e le veline di FI storcono il naso.I Vip Fi sono tutti spompati e se giovani con poco acume politico. grillo non ha un programma ha regole scritte con inchiostro simpatico ,nessuno capisce e i nessuno quindi lo votano. Intelligentoni del click. help

    Report

    Rispondi

  • fabrizioguarniera

    21 Marzo 2017 - 11:11

    Sarà...Chi ha tutti, ma proprio tutti contro (vero caso di scuola di character assassination) a me pare essere, molto, molto, molto al di là dei suoi demeriti certi, proprio Renzi...E la destra poi? Che valore può mai avere la risibile demagogia salviniana? Per tacere dell'ambiguità cronica del Cav...

    Report

    Rispondi

  • lorenzolodigiani

    21 Marzo 2017 - 11:11

    Caro Sechi gli scenari che prospetta sono drammatici. Un PD depotenziato, i grillini in ascesa a dispetto della razionalita', il centro destra forse maggioritario , ma soltanto se a trazione salviniana. E per finire una probabile ingovernabilita'. Beato paese la Francia, dove Macron ha serie possibilita' di diventare presidente.

    Report

    Rispondi

Servizi